Servizio Eccellente
4.5/5

Disinfestazione Blatte

La lotta contro le blatte rappresenta una delle pratiche di disinfestazione più diffuse. Le blatte sono insetti in grado di sfruttare molto bene, per la propria riproduzione ed accrescimento, le condizioni ambientali (caldo-umido) create dall’uomo in abitazioni e insediamenti produttivi. Inoltre sono facilmente in grado di essere trasportate, passivamente, a seguito di merci, automezzi, navi, ecc. Nel caso di infestazioni elevate la tecnica prevede il ricorso ad insetticidi liquidi applicati sulle superfici ove le blatte sono solite camminare o all’interno di fessure e anfratti che fungono da rifugio. Questo tipo di intervento è solitamente ripetuto a distanza di 2-3 settimane per colpire gli stagi giovanili nati dalle ooteche già presenti nel momento del primo intervento ma non devitalizzabili.

In seguito l’area trattata è monitorata con l’impiego di trappole collanti attivate con compresse di attrattivi alimentari e/o feromoni. Nel caso di infestazioni lievi o di elevata probabilità di reinfestazione è utile l’impiego di formulati insetticidi in gel alimentare che consentono un efficace controllo delle blatte più diffuse con l’impiego di quantità ristrette di prodotto insetticida. Sul suolo pubblico può rendersi necessaria la lotta alle blatte quando si verifichino pesanti livelli di infestazione all’interno delle condotte fognarie. In questo caso oltre alla pulizia e manutenzione delle condotte possono essere effettuati interventi di disinfestazione mediante apparecchiature termonebbiogene. La fumigazione a caldo è bene sia effettuata dopo aver valutato lo stato generale della rete scolante al fine di evitare fuoriuscite incontrollate di nebbia insetticida. Per la lotta contro le blatte è possibile avvalersi di numerosi formulati insetticidi tra cui anche regolatori di crescita. Le differenze tra le formulazioni (inodori o meno) rendono il prodotto idoneo o meno all’impiego in aree interne od esterne.

Lotta alle blatte:

come prevenire e combattere lo sviluppo delle blatte.

La PREVENZIONE è rappresentata dall’insieme di pratiche ed accorgimenti necessari per evitare che le blatte si insedino negli edifici, utilizzando come vie di transito le condotte e le canalette degli impianti di servizio (elettrico, di riscaldamento e/o di raffreddamento, scarichi delle acque di lavaggio, scarichi di acque nere, …).

In realtà il ridottissimo spessore del corpo delle blatte e la loro capacità di attraversare tratti di tubature sommerse rendono molto difficile “isolare” un ambiente, in particolare una cucina di vaste dimensioni, per impedire l’arrivo di questi insetti.

E’ più realistico prevedere che l’impianto fognario urbano sia già colonizzato da Blatta orientalis o da Periplaneta americana e che, tramite i raccordi fognari, specialmente se vecchi o più volte manipolati, queste possano facilmente giungere all’interno degli edifici iniziando la colonizzazione da bagni e cucine.

L’utilizzo delle colonne di scarico come via di passaggio spiega, ad esempio, l’infestazione da blatte ai piani superiori di condomini od altri edifici.

I “punti critici” da ricercarsi nelle ispezioni, che precedono la fase di disinfestazione, sono costituiti da: scollamenti delle piastrelle di pavimentazioni e rivestimenti murari, alterazione delle malte poste a guarnizione tra pavimentazione e griglie o tombini di scolo, scostamento dei paraspigoli, presenza di controsoffittature, pareti perlinate o separatori in cartongesso.

Ovunque si riscontrino situazioni simili bisogna descriverne la presenza ai responsabili dell’igiene dell’area affinché possano programmare i necessari interventi di pulizia, manutenzione o sostituzione.

Per qualsiasi informazione o per fissare un appuntamento